• complicanze nell'uso delle lenti a contatto

Complicanze legate all'uso delle lenti a contatto

complicanze lenti a contatto

1) Inidoneità all'uso delle lenti a contatto.

E' rappresentata da controindicazioni generali o locali, all'uso delle lenti a contatto date da anomalie del film lacrimale. Tipico esempio ne sono le alterazioni del film lacrimale indotte dall'uso di farmaci.

2) Fattori ambientali.

Sono pericolosi i contatti con gas o liquidi volatili (colle, vernici e solventi, formaldeide, ecc.); maggior rischio lo corrono i portatori di morbide per l'effetto spugna dei materiali idrogel. Gli ambienti particolarmente polverosi producono intolleranza soprattutto nei portatori di LAC rigide.

3) Applicazione errata delle lenti a contatto.

Una cattiva applicazione di LAC può determinare tre ordini di complicanze:

  1. un danno ai tessuti corneali,
  2. disturbi senza vi siano lesioni importanti,
  3. Inadeguata o approssimativa correzione del difetto visivo.

4) Manutenzione errata o insufficiente delle lenti a contatto.

La manutenzione delle LAC ha due scopi: la disinfezione e la pulizia. Va ricordato che:

  • Un'insufficiente disinfezione può determinare infezioni.
  • Un'insufficiente pulizia può determinare ipossia (mancanza di ossigeno) o creare reazioni allergiche.
  • Un'errata scelta dei prodotti per la pulizia può determinare disturbi visivi e di tollerabilità.
complicanze lenti a contatto

Infezioni di varia natura e gravità sono possibili per i portatori di lenti a contatto.
Cheratiti e ulcere corneali, congiuntiviti e cherato-congiuntiviti virali. Ottenuta la guarigione completa da un'infezione, è sempre meglio attendere diverso tempo prima di far applicare nuovamente le lenti a contatto, e consultare l'oculista o il contattologo.

5) Complicanze allergiche delle lenti a contatto.

La congiuntivite allergica è una infiammazione della congiuntiva "bulbare" e "tarsale" (interna delle palpebre), è cronica a manifestazione acuta (stagionale) nei portatori di lac. Spesso sono proprio i liquidi di manutenzione o le superfici delle stesse a causarne la risposta allergica.

6) Le sindromi da uso eccessivo delle lenti a contatto.

Si tratta di quelle alterazioni della superficie oculare che si evidenziano solo in soggetti che fanno uso protratto di lenti a contatto. Ne fanno parte anche molti casi di errata applicazione e manutenzione.
La sindrome da uso eccessivo si divide in sindrome da ipossia ( mancanza di ossigeno sulla cornea) acuta e cronica. Tra le cause che determinano l'insorgere della ipossia acuta e cronica possiamo ricordare:

  • Uso delle lenti a contatto per un eccessivo numero di ore consecutivo.
  • Uso di lenti a contatto durante il sonno, anche se occasionale e fortuito, di lenti inidonee all'uso permanente.
  • Uso notturno delle lenti a contatto.
  • L'applicazione errata di un una lente a contatto non flessibile.
  • L'applicazione di una lente a contatto morbida che non si muove con i normali ammiccamenti.
  • Uso delle lenti a contatto eccessivo in soggetti affetti da patologia corneale.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE:

Per informazioni aggiuntive sulle lenti a contatto o richieste di preventivo chiama subito il Centro Ottico Fava allo 06 6143753 o invia una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ottica Fava è a Roma, in Via di Torrevecchia 590. Su richiesta si effettuano consegne a domicilio in tutta Italia.